Chi è (davvero) ricco in Francia? [OPINIONE]

Essere ricchi è avere “molto”. Ma "molto" è quanto? “Qualsiasi definizione di ricchezza – come la povertà – si basa su scelte di metodo. In Francia a nessuno piace essere chiamato “ricco”. Tutti vedono mezzogiorno alle loro porte e scoprono che i ricchi sono coloro il cui tenore di vita è più alto del loro. spiega Louis Maurin, direttore dell'Osservatorio delle disuguaglianze, che ha appena presentato la seconda edizione del suo Rapporto sui ricchi in Francia. Un argomento di ricerca sorprendentemente piccolo in Francia. Va detto che, in un paese in cui essere o definirsi ricchi rimane disapprovato, il ricco è sempre l'altro. La connotazione del termine avrebbe forse dovuto indurre gli autori di questo studio a parlare di persone facoltose, e non di persone ricche. “Cerchiamo di anticipare le informazioni chiamando il pane con il pane, usando la parola “ricco” quando ci sembra giustificato, giustificare gli autori di questo rapporto. Anche se significa digrignare qualche dente. La parola "poveri" non turba nessuno, ma quella di "ricchi" non lascia indifferenti. » Tuttavia, nel contesto dell'attuale crisi, che è per giunta con il ritorno di un'inflazione elevata, riuscire a risparmiare o anche semplicemente chiudere il mese è già di per sé sufficiente per uscire dai binari.

Secondo questo studio statistico, la soglia di ricchezza attualmente in Francia sarebbe di 3673 euro, il doppio dello stipendio medio. Per una coppia la soglia è fissata a 5511 euro, per una famiglia con due figli a 7700 euro. Il 93% dei francesi sarebbe al di sotto di queste soglie, e quindi solo il 7% al di sopra. Sempre secondo questo rapporto, 4,5 milioni di persone guadagnano più del doppio del tenore di vita medio, ovvero 3673 euro per una sola persona. Dal punto di vista del patrimonio, 4,5 milioni di famiglie hanno anche più del triplo della ricchezza mediana, ovvero una fortuna di almeno 490 euro. Solo il 000% delle famiglie francesi supera questa soglia di ricchezza e il 16% delle famiglie sono milionari.

« La nostra relazione deve innanzitutto servire ad alimentare un dibattito informato e pacifico, contro il frastuono delle invettive che circolano sui social. Deve servire anche a sollevare la questione della giustizia e del merito. La ricchezza non è un male in sé: ciò che pone interrogativi è il merito di chi c'è. spiega Louis Maurin. Questa edizione 2022 di Rapporto sui ricchi in Francia dipinge anche un ritratto socio-demografico dei “ricchi”. In media, sono un po' più anziani della popolazione generale. Nella maggior parte dei casi si tratta di alti dirigenti del settore pubblico o privato. I lavoratori autonomi (imprenditori, medici, avvocati, ecc.) sono sovrarappresentati nell'1% o millesimo più ricco. Corollario o scelta di vita: i più ricchi sono spesso anche in coppia e senza figli a carico.

Inoltre, i ricchi oggi lo sono significativamente più ricco di vent'anni fa. Da un lato, rispetto al 2010, nel 2019 il numero e la quota di persone facoltose è diminuita: 745 persone in meno sono al di sopra della nostra soglia di ricchezza. Ma dall'altro, tra il 000 e il 1999, il tenore di vita medio annuo del 2019% più ricco è aumentato di 10 euro una volta sottratta l'inflazione, contro i 9100 euro delle classi medie. Per quanto riguarda le 3300 maggiori fortune professionali, il loro valore è quadruplicato in dieci anni.

Judikael Hirel

Fonte : Le Figaro

Questo articolo è pubblicato da Selezione del giorno.

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.