L'editoriale di Camille del 2 giugno 2022: 70 anni di regno per Elisabetta II

Dal 2 al 5 giugno si svolgeranno quattro giorni di celebrazioni in tutto il Regno Unito il giubileo di platino di Elisabetta II, che segna i suoi 70 anni di regno. Questo è un evento storico poiché nessun monarca britannico ha mai raggiunto una tale longevità sul trono.

Questo evento ci offre l'opportunità di evocare la fede cristiana della regina che non esita a parlare apertamente della sua fede personale.

In una lettera inviata il mese scorso per celebrare questo giubileo di platino, Michelle O'Neill, vicepresidente dello Sinn Fein, ha sottolineato “l'importante contributo (della regina) alla pace e alla riconciliazione” in Irlanda del Nord.

Una lettera del genere dal Sinn Fein, l'ex ramo politico paramilitare dell'IRA, sarebbe stata inimmaginabile per molto tempo.

Il regno del sovrano fu infatti segnato da tre decenni di "Troubles" nella provincia britannica tra repubblicani, in particolare cattolici, desiderosi di una riunificazione con l'Irlanda, e unionisti, per lo più protestanti, attaccati al mantenimento all'interno della corona.

Sempre dalla parte britannica, almeno 700 persone hanno accettato Gesù come loro salvatore durante il tour evangelistico di Franklin Graham, intitolato "Dio ti ama" e che si è svolto dal 14 al 25 maggio.

Ritorno in Francia per le ultime novità in questo editoriale del giorno che invita a scoprire un progetto a dir poco originale. 

Dopo aver costruito un allevamento e locali dedicati alla fabbricazione dei loro prodotti, le monache dell'Abbazia di Boulaur situata nel Gers, stanno portando avanti un nuovo progetto con la creazione di un luogo da vivere e condividere: un ecotone. Desiderano così sviluppare una “zona di incontro tra l'ecosistema della vita monastica” e quello del mondo esterno.

Camille Westphal Perrier

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.