Billy Graham risponde a un lettore e lo avverte dell'inganno del relativismo

L
luogo Notizie di carisma segnalati la risposta del famosissimo evangelista Billy Graham alla domanda molto sincera di un lettore sull'esistenza del bene e del male:

“So che i predicatori amano dire alle persone quanto sono colpevoli dei loro peccati e devono esserne consapevoli. Non mi sento in colpa per niente, non credo che ci siano cose buone o cattive. Cosa diresti a uno come me? "

L'evangelista ha risposto così in una lettera resa pubblica.

Prima di tutto devo dirti che la tua lettera mi ha molto rattristato. Pensando che non ci sia giusto o sbagliato, stai riponendo la tua fede in qualcosa di sbagliato, e questo malinteso può danneggiare te e chi ti circonda.

"Guai a coloro che chiamano bene il male e male il bene, che mutano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che mutano l'amarezza in dolcezza e la dolcezza in amarezza! "
Isaia 5:20

Inoltre, dubito seriamente che tu creda che non ci sia né giusto né sbagliato, anche se ne sei convinto.
Non sei indignato quando qualcuno abusa di un bambino, odia qualcuno a causa delle sue origini, tradisce il coniuge o truffa le persone. Non sei indignato quando un politico incassa soldi sporchi o quando un atleta tradisce? Certo che lo sei perché nel tuo cuore sai che è moralmente sbagliato.
La vera domanda, tuttavia, è: qual è il posto di Dio nella tua vita? Conosci la risposta: lo hai respinto e gli hai voltato le spalle ai suoi standard morali. La ragione di questo è che non vuoi che interferisca con il tuo modo di vivere.
Ma Dio ti ama e non vuole che tu finisca per distruggere la tua vita. Ecco perché vi esorto a rivolgervi a Gesù Cristo ea portare la vostra vita sotto il Suo controllo. La sua promessa è vera:

“Se il Figlio ti renderà libero, sarai veramente libero. "
Giovanni 8:36

scrittura

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.