Da dove viene l'acqua del rubinetto? Come viene garantita la sua qualità?

shutterstock_1833087562.jpg

In Francia, aprire un rubinetto per ottenere acqua potabile è un gesto quotidiano particolarmente facile, che ci dà accesso ad un'acqua di ottima qualità microbiologica, che può essere molto utile, soprattutto con il caldo estivo...

Eppure un su tre francesi nel 2020 hanno continuato a bere acqua in bottiglia anziché acqua del rubinetto, mentre i rifiuti di plastica danneggiano la salute e l'ambiente, l'acqua in bottiglia è più costosa... e la sua qualità non è sempre impeccabile.

Vediamo qui da dove viene l'acqua del rubinetto e cosa la rende sicura da bere.

Da dove viene l'acqua corrente e come diventa potabile?

due terzi delacqua potabile prodotta vengono catturati nelle acque sotterranee (falde acquifere), il restante terzo proviene da acque superficiali, dette anche acque superficiali (fiumi, fiumi, laghi, dighe). Le acque sotterranee e i fiumi sono alimentati da precipitazioni sotto forma di neve e pioggia e poi da deflusso e infiltrazioni.

Le attività umane come l'agricoltura e l'allevamento e le loro conseguenze come la deforestazione, la distruzione delle zone umide o persino il cambiamento climatico generano cambiamenti significativi in ​​questo cicloe in particolare nei flussi d'acqua trasportati.

L'acqua potabile in Francia proviene da risorse sotterranee e di superficie, viene trattata e quindi distribuita.
Alice Schmitt e Julie Mendret, Fornito dall'autore

Una volta catturata, l'acqua viene inviata a un impianto di trattamento dell'acqua potabile per essere trattata. Il trattamento applicato dipende dalla qualità iniziale dell'acqua raccolta. Per le acque sotterranee, in tre quarti dei casi, sono sufficienti un semplice trattamento fisico (filtrazione e decantazione) e la disinfezione.

Per le acque superficiali, sono necessari ulteriori trattamenti fisici e chimici – questi sono determinati da a seconda della qualità dell'acqua da trattare. In alcuni casi viene applicato in aggiunta un trattamento di raffinazione mediante ozonizzazione, carboni attivi e/o filtrazione a membrana al fine di eliminare il più possibile la sostanza organica disciolta residua nonché la microinquinanti (pesticidi, ecc.).

La disinfezione avviene poi sempre durante l'ultima fase del trattamento, il più delle volte con l'aggiunta di cloro, che ha un effetto disinfettante di lunga durata consentendo di mantenere l'acqua di ottima qualità durante il suo stoccaggio in cisterne e fino alla sua distribuzione.

In Francia, il consumo medio di acqua potabile per abitante è stimato a circa 150 litri al giorno per abitante di cui il 93% per l'igiene (di cui il 20% per i servizi igienici) e il 7% per gli alimenti. Questo uso domestico rappresenta il 20% del consumo complessivo: Il 35% dell'acqua potabile viene utilizzata per l'industria e l'elettricità e il 45% per l'agricoltura, anche se non è necessariamente necessario utilizzare acqua potabile. Il riutilizzo delle acque reflue trattate è ancora molto limitato in Francia a causa di normative severe e rimane una minoranza per questi usi.

Acqua distribuita altamente regolata

Una volta trattata, l'acqua distribuita deve soddisfare determinati standard sanitari definiti secondo l'art codice di sanità pubblica e la sua qualità è regolarmente monitorata dall'uscita degli impianti di trattamento dell'acqua potabile, a livello delle torri idriche che ne consentono lo stoccaggio e lungo tutta la rete di distribuzione.

[Quasi 70 lettori si affidano alla newsletter di The Conversation per comprendere meglio i principali problemi del mondo. Iscriviti oggi]

In totale, una sessantina di parametri sono controllati attraverso limiti e riferimenti di qualità batteriologiche, fisico-chimiche, organolettiche o addirittura radiologiche, rendendo l'acqua del rubinetto lacibo più controllato in Francia.

Nel complesso, la qualità dell'acqua corrente nelle città è eccellente in Francia, dove quasi il 100% dei comuni con più di 50 abitanti e il 000% della popolazione totale hanno consumato acqua da qualità microbiologica molto buona tutto l'anno nel 2020.

mani con acqua corrente
L'acqua corrente è il più delle volte di ottima qualità.
mrjn Fotografia/Unsplash, CC BY

Per quanto riguarda i pesticidi, principalmente da ruscellamento e infiltrazione nel suolo, nel 94 il 2020% della popolazione francese ha consumato acqua che ha rispettato i limiti normativi tutto l'anno. Tuttavia, essendo stati rilevati gli eccessi limitati nella concentrazione e nel tempo, non ha quasi mai stato necessario creare a limitazione del consumo di acqua del rubinetto.

Il rischio del consumo di pesticidi a basse dosi sulla salute a lungo termine è ancora poco conosciuto ma molto probabile, in particolare sulla popolazione sensibile come i bambini e le donne in gravidanza.

Occasionali problemi possono comparire sul lato del comuni molto piccoli (meno di 500 abitanti); nelle aree rurali con agricoltura intensiva di tipo monocolturale o viticolturale  ; nelle zone vicine alle aziende agricole, dove i nitrati possono essere presenti in quantità significative ; o in aree localizzate vicino ad alcuni settori.

Se gli standard vengono superati, spetta al responsabile della produzione o della distribuzione prenderne necessarie azioni correttive per ripristinare la qualità dell'acqua.

Possono essere previste deroghe eccezionali (in assenza di rischio per la salute e con l'obbligo di un rapido adempimento) o misure rigorose possono essere applicate molto rapidamente se necessario dal prefetto e seguendo ilparere della corrispondente Agenzia Sanitaria Regionale – per esempio a restrizione d'uso, o anche un divieto temporaneo di consumo, come a Châteauroux in giugno.

La presenza di a piano di gestione della sicurezza idrica, indicando le misure da adottare in caso di problema, sarà obbligatorio entro il 2027 grazie alla rifusione della direttiva "Acqua potabile" del 16 dicembre 2020.

Perché usare l'acqua del rubinetto invece dell'acqua in bottiglia?

La Francia consuma molta acqua in bottiglia, a seguito delle pressioni dei marchi che hanno convinto i francesi a imbottigliare l'acqua era meglio dell'acqua del rubinetto.

Perché bere acqua in bottiglia?
Erica Ashleson, Flickr, CC BY

Si tratta innanzitutto di preservare l'ambiente, perché la cosiddetta acqua minerale prevede l'utilizzo di bottiglie e tappi di plastica come contenitori. La maggior parte di questi rifiuti (87%) finisce in natura e diventa inquinamento da plastica, avendo in particolare a impatto significativo sulla fauna e la flora acquatiche. Lo smistamento di questi rifiuti in centri appropriati non risolve tutto da allora solo un quarto dei rifiuti di plastica viene effettivamente riciclato a livello globale. Uno studio sull'analisi del ciclo di vita dell'acqua minerale ha dimostrato che ha a impatto ambientale a volte 1000 volte maggiore di quello dell'acqua del rubinetto.

Ma è anche un problema di salute pubblica legato alla presenza di microplastiche nell'acqua. Essi sono principalmente a causa del degrado oggetti di plastica più grandi come bottiglie. Ogni settimana ingeriamo l'equivalente di una carta di credito di plastica, principalmente attraverso l'acqua che beviamo, dal rubinetto e imbottigliato – ma anche in misura minore attraverso il cibo consumato, in particolare i crostacei, o anche l'aria che respiriamo (si tratta di una media stimata a livello mondiale e non solo in Francia).

Ridurre o addirittura eliminare l'uso della plastica, in particolare non consumando più acqua in bottiglia, ridurrebbe la presenza di microplastiche negli oceani.

Inoltre, alcune acque in bottiglia altamente mineralizzate sono da consumare puntualmente e il loro uso quotidiano resta sconsigliabile. Per neutralizzare il sapore potenzialmente sgradevole dell'acqua del rubinetto dovuto al cloro, che non intacca in alcun modo la sua qualità sanitaria, una soluzione molto semplice è lasciarla respirare lasciandola in frigorifero per le ore precedenti il ​​suo consumo. .

È anche importante sottolineare che l'acqua in bottiglia, prelevata da risorse sotterranee, contiene anche quantità minime di inquinanti come pesticidi o farmaci.

Infine, il consumo di acqua in bottiglia per bere (ovvero 1,5 litri al giorno e per persona) è minimo 100 volte più costoso dell'acqua del rubinetto.

Siamo fortunati in Francia ad avere acqua del rubinetto di qualità, quindi beviamola, sia per il pianeta che per la nostra salute! Puoi trovare la qualità media dell'acqua nel tuo comune sulla bolletta annuale o sul consultare in linea in qualsiasi momento

Alice Schmitt, Post-dottorato in Ingegneria di Processo, European Membrane Institute, Università di Montpellier et Giulia Mendret, Docente, HDR, Università di Montpellier

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.


Articoli recenti >

Riepilogo delle novità del 29 settembre 2023

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >