Sotto 'prolungate e intense pressioni delle autorità locali', in Cina viene nominato un vescovo al di fuori dell'accordo con il Vaticano

Shutterstock_188022503.jpg

Monsignor Giovanni Peng Weizhao è stato nominato vescovo ausiliare di Jiangxi, diocesi non riconosciuta dal Vaticano.

Dal settembre 2018, e rinnovato lo scorso ottobre, è stato siglato tra Cina e Vaticano un accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi. Il suo obiettivo è riunire i cattolici cinesi divisi tra la Chiesa ufficiale, controllata da Pechino, e la Chiesa sotterranea, fedele a Roma. Ma sabato il Vaticano ha espresso 'sorpresa' e 'rammarico' dopo la nomina di un vescovo a una diocesi in Cina non riconosciuta dalla Santa Sede, dicendo che violava l'accordo che aveva concluso nel 2018 con Pechino.

In un comunicato, “la Santa Sede ha preso atto con sorpresa e rammarico della notizia della 'cerimonia di insediamento', il 24 novembre a Nanchang, di monsignor Giovanni Peng Weizhao, vescovo di Yujiang (provincia di Jiangxi), in qualità di 'vescovo ausiliare di Jiangxi ', una diocesi non riconosciuta dalla Santa Sede".

“Questo evento non si è svolto secondo lo spirito di dialogo che c'è tra il Vaticano e le parti cinesi e quanto è stato stipulato nell'accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi. »

Secondo il Vaticano, il “riconoscimento civile” di questo nuovo vescovo era avvenuto, “secondo le informazioni ricevute”, in un contesto di “prolungate e intense pressioni da parte delle autorità locali”, senza fornire ulteriori dettagli.

"La Santa Sede si augura che episodi simili non si ripetano" e ha detto di attendere una comunicazione in merito da parte delle autorità cinesi. Essa “riafferma la sua piena disponibilità a proseguire un dialogo rispettoso su tutte le questioni di comune interesse”.

Mentre l'accordo del 2018 ha permesso a Pechino di scegliere i vescovi e far approvare le loro nomine dalla Santa Sede, alcuni lo hanno definito un "tradimento" dei cattolici sotterranei cinesi.

Stefano Schneck, commissario della Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale (USCIRF), si spinge fino a pensare che "la Cina potrebbe effettivamente utilizzare questo accordo per reprimere ulteriormente i cattolici sotterranei in Cina", aggiungendo, "e se questa è la situazione, allora il Vaticano in realtà sta perdendo terreno con la Cina, e non ne guadagna affatto”.

MC (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock/ Giulio napolitano

Articoli recenti >

22 febbraio 2024 Riepilogo notizie

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >