Uganda: Pastore ucciso dai parenti per la sua fede

Uganda: Pastore ucciso dai parenti per la sua fede

Nell'est dell'Uganda, il 10 marzo un pastore è stato ucciso da membri della sua famiglia a causa della sua fede cristiana. Adinani Bulwa ha sofferto dell'opposizione musulmana nel nord dell'Uganda e ha scelto di tornare a casa nell'est del paese a gennaio.

"A circa 200 metri dalla fattoria abbiamo sentito un forte gemito. Siamo rimasti all'interno della casa. Mio marito non è tornato".

Lo testimonia sua moglie, Zabiina Newumbwe Notizie sulla stella del mattino.

"Abbiamo iniziato a predicare ai membri della famiglia e all'inizio di febbraio quattro genitori musulmani si sono convertiti al cristianesimo, ma il figlio maggiore della famiglia [il fratello del pastore Bulwa] ha resistito alla fede cristiana e ha avvertito che dovevamo smetterla di fuorviare i musulmani verso il cristianesimo. Due settimane dopo, mio marito è stato invitato a partecipare a una riunione di famiglia [a casa dei suoi genitori], dove è stato costretto a rinunciare alla fede cristiana, ma ha detto che era pronto a morire per amore di Cristo".

Il 10 marzo diversi parenti musulmani hanno fatto visita al pastore. Lo hanno costretto a uscire di casa.

"A circa 200 metri dalla fattoria abbiamo sentito un forte gemito. Siamo rimasti all'interno della casa. Mio marito non è tornato. La mattina presto sono andata da un vicino cristiano che mi ha detto di essere stata accompagnata sul luogo dell'incidente per vedere mio marito da lontano seminudo. Non riuscivo a controllare le mie emozioni e ho urlato ad alta voce. Successivamente, sono svenuto per lo shock ".

Adinani Bulwa sarebbe stato strangolato. È stato trovato con tagli sulla fronte e sul piede sinistro. Sul posto giunsero centinaia di cristiani che procedettero alla sua sepoltura. Lascia cinque figli, dai 4 ai 16 anni.

MC

 


Credito immagine: Shutterstock / La strada offre

Nella categoria Persecuzione >



Notizie recenti >