Nuovi scandali nella Chiesa: “crisi di fiducia” tra cattolici, travolti

Shutterstock_515978101.jpg

Affare Santier, affare Ricard, accusa di un sacerdote per stupro di un adolescente: scossi da nuovi scandali, i cattolici stanno attraversando una grave "crisi di fiducia" che rischia di far decadere alcuni nella pratica e nell'impegno, testimoniano fedeli e sociologi.

"Siamo sopraffatti dalla sofferenza", ha detto all'AFP Sylvie de Kermadec, 69 anni, cattolica praticante della parrocchia di Saint-François-Xavier a Parigi. “Mi fa arrabbiare”, lamenta Bérénice, 33 anni, praticante della diocesi di Créteil, dove un ex vescovo, Michel Santier, è stato sanzionato da Roma per “voyeurismo” sui giovani adulti.

Al di là dello stupore e delle parole di compassione per le vittime, i sentimenti sono molteplici.

Anche "se ci sono molti buoni sacerdoti e buoni vescovi", "potremmo aver avuto una fiducia troppo cieca nei leader della Chiesa" e "questo avrebbe potuto incoraggiare certi eccessi", giudice Sylvie de Kermadec. Tuttavia, se per lei «c'è una crisi di fiducia», «non altera la (lei) fede né il desiderio di praticare» ogni domenica.

«Non siamo alla fine delle nostre sorprese e dobbiamo essere pronti ad ascoltare gli altri», avverte Alexis Beaufine-Ducrocq, 35 anni, della diocesi di Nanterre. Chi “pratica da molto tempo”, “vuole tener duro, perché vuole aiutare a ripulire la (sua) Chiesa”. Questo spiega il suo impegno nei confronti del collettivo di fedeli Agir pour notre Eglise, che intende mantenere le pressioni sull'episcopato.

Per Mary de Wailly, 45 anni, recenti rivelazioni mostrano che le raccomandazioni della commissione Sauvé sull'entità della pedocriminalità nell'istituto, pubblicate nell'ottobre 2021, "non sono state integrate" dall'episcopato.

“Un anno fa i vescovi erano in ginocchio (in atto di pentimento, ndr), ma da allora hanno accumulato bugie”, giudica, precisando “avendo preso le distanze dalla Chiesa” e anche con fede da diversi anni . "Non abbiamo ancora garanzie sulla sicurezza dei bambini", osserva questa madre di tre bambini educati all'educazione cattolica e coinvolti nello scoutismo.

Étienne Bernard, un parigino di 41 anni, cattolico che praticava ogni domenica, ha rotto i legami l'anno scorso. “Il contrasto tra le richieste della Chiesa sulla moralità privata, il suo lato 'lenitore', la sua lotta contro i diritti LGBT e il fatto che ha coperto a lungo i crimini dei suoi chierici mi ha allontanato dalla pratica”, spiega. Ora, "non credo più".

Nessuna riforma 

“Dal 2019 c'è stato un accumulo di rivelazioni che ha causato grande sconforto”, riassume Céline Béraud, direttrice degli studi presso la School of Advanced Studies in Social Sciences (EHESS).

Nota, con la vicenda del cardinale Ricard, «una crisi di fiducia ancora più forte, al vertice». Il cardinale, ex arcivescovo di Bordeaux, che ha confessato atti "riprensibili" commessi 35 anni fa su una ragazza di 14 anni, è stato infatti presidente della Conferenza episcopale di Francia (Cef).

Questo si traduce in tre tipi di atteggiamento, che è ancora “troppo presto per quantificare”, osserva.

Da un lato i cattolici “che si stanno mobilitando, attraverso collettivi pluralisti, giovani, molto presenti sui social network”. Dall'altro, “persone che si spacciano per struzzi”. E infine “persone che si mettono ai margini e non vogliono più mettersi in gioco”.

“Lo si vede nel pool di volontari nelle cappellanie”, sottolinea. Così come «in pratica: due crisi, quella del Covid (che ha comportato il mancato ritorno di alcuni fedeli alla messa, ndr) e la crisi degli scandali sessuali si sono intrecciate e potrebbero produrre effetti».

La Chiesa sta andando “verso l'implosione”, dal nome di un libro di interviste tra i sociologi delle religioni Jean-Louis Schlegel e Danièle Hervieu-Léger (pubblicato a Seuil in maggio)? "L'implosione significa che è la Chiesa stessa ad essere responsabile di ciò che le sta accadendo", risponde Schlegel. "È un'istituzione che non si è riformata", ha detto all'AFP.

Ricostruire la fiducia con i fedeli sarà "lungo e difficile", ha concordato mercoledì il presidente del CEF Eric de Moulins-Beaufort.

La Redazione (con AFP)


Articoli recenti >

Cristiano pakistano condannato all'ergastolo per blasfemia

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >