“Le nostre vite sono diventate un inferno”: La sofferenza di una famiglia cristiana perseguitata in India

Shutterstock_58375939.jpg

Una madre è stata arrestata in India alla festa di compleanno del figlio. Descrive con suo marito le molestie di cui sono vittime.

Indrakla è una madre che vive nel nord dell'India. il 30 luglio Infine, è stata arrestata e detenuta ai sensi della legge anti-conversione. Eppure stava solo organizzando la festa di compleanno di suo figlio con altre 5 famiglie.

Mahendra Kumar, suo marito, testimonia Notizie sulla stella del mattino di ciò che la loro vita è diventata, "l'inferno".

“Le nostre vite sono diventate un inferno vivente mentre lottiamo per sopravvivere ogni giorno con nostro figlio di 7 anni. Affrontiamo minacce ogni giorno e non sappiamo cosa accadrà domani. »

Per due volte un'auto ha investito Mahendra mentre guidava una moto con suo figlio. "Siamo stati presi di mira più volte dopo aver presentato una controdenuncia per le molestie e gli attacchi che abbiamo subito", afferma Indrakla.

Il compleanno è avvenuto in una tenda vicino alla casa. Doveva ospitare 600 persone, inclusi 300 membri della chiesa. Erano già 150 quando un gruppo di uomini è arrivato sul posto, rifiutando la manifestazione. "Mi sono fatto avanti e ho cercato di far capire loro che era il compleanno di mio figlio, e se c'è qualcosa di sbagliato negli indù che praticano il culto indù nelle loro feste di compleanno, compleanno di famiglia, cosa c'è di sbagliato se cantiamo cori cristiani e preghiamo prima di mangiare", dice Indrakla.

“L'atmosfera celebrativa si è rapidamente trasformata in disperazione quando la polizia e gli estremisti indù ci hanno denigrato”, continua, “hanno definito la nostra celebrazione dell'anniversario una cerimonia per incitare le masse dalit a diventare cristiane. »

Indrakla e le altre 5 madri che la stavano aiutando a organizzare questo compleanno sono state poi arrestate. Sono stati accusati di "provocazione e intimidazione criminale" e "conversione illegale da una religione all'altra mediante falsa dichiarazione, forza, indebita influenza, coercizione, seduzione o con qualsiasi mezzo fraudolento", ai sensi dell'Anti-Religion Act. -conversione.

Indrakla e altre due donne sono rimaste in detenzione per 1 mese. Tutti rischiano una condanna fino a 10 anni di reclusione.

Dinnanath Jaiswar, leader cristiano e attivista sociale dell'Uttar Pradesh, spiega che “il tribunale ha ordinato alla polizia di indagare sulle minacce e intimidazioni delle vittime”.

MC

Credito immagine: Shutterstock/Snehit Photo

Articoli recenti >

22 febbraio 2024 Riepilogo notizie

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >