Nicaragua: Assediato dalla polizia, un vescovo ringrazia per le testimonianze di solidarietà

shutterstock_80046271.jpg

Un vescovo nicaraguense ha espresso giovedì la sua gratitudine per i messaggi di solidarietà ricevuti dai suoi fedeli ma anche dal mondo intero, mentre la polizia gli ha impedito di uscire per due settimane accusandolo di voler “destabilizzare” il Paese e “incitare all'odio” .

“Grazie per l'attenzione, per averci ricordato”, ha detto giovedì mons. Roland Alvarez, vescovo di Matagalpa (nordest), durante una messa celebrata dalla cappella del suo vescovado trasmessa sui social network.

Dal 4 agosto la polizia ha circondato il vescovado di Matagalpa, dove mons. Alvarez, critico del governo del presidente Daniel Ortega, è recluso con una dozzina di religiosi e laici.

Sempre mercoledì, 26 ex capi di Stato della Spagna e dell'America Latina hanno fatto appello a papa Francesco, che finora è rimasto in silenzio, perché "si schieri fermamente in difesa del popolo nicaraguense e della sua libertà religiosa".

“Siamo nelle mani di Dio”, ha detto mons. Alvarez durante la messa di giovedì, assicurando che Dio “vince le tenebre, l'ingiustizia (…) fa tremare l'inferno e li rigetta nel mare della loro stessa malvagità”.

Il prelato 55enne dice di non sapere perché le autorità lo stanno perseguendo e crede che sia agli "arresti domiciliari".

Le autorità nicaraguensi accusano il presule di voler “organizzare gruppi violenti” e incitare “atti di odio (…) allo scopo di destabilizzare lo Stato del Nicaragua”.

Le autorità hanno moltiplicato in questi giorni i divieti e le vessazioni nei confronti dei sacerdoti cattolici, secondo il Centro nicaraguense per la difesa dei diritti umani (Cenidh) per il quale “il governo ha inasprito la repressione contro la Chiesa e i suoi sacerdoti anche negli angoli più remoti del Nicaragua".

La diocesi di Siuna ha annunciato domenica sera in un comunicato l'arresto di uno dei suoi sacerdoti. L'accusa ha chiesto il suo collocamento in custodia cautelare per 90 giorni, secondo Cenidh.

A luglio le monache della Congregazione delle Missionarie della Carità, fondata da Madre Teresa, hanno dovuto lasciare il Nicaragua, espulse come "delinquenti", indignava il Cenidh.

Le relazioni tra la Chiesa cattolica e il governo di Ortega sono tese dal 2018, quando i manifestanti che chiedevano le dimissioni del presidente del Nicaragua si sono rifugiati nelle chiese.

Il presidente Ortega accusa il clero cattolico di complicità nel tentativo di colpo di stato ordito da Washington. La crisi ha portato anche all'espulsione a marzo del Nunzio Apostolico, monsignor Waldemar Sommertag.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com / Valery Shanin

Articoli recenti >

RDC: un pastore e sua moglie assassinati dalle ADF

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >