Monsone in Nepal: 48 morti, 13 dispersi, 700 escursionisti bloccati

Monsone in Nepal 48 morti, 13 dispersi, 700 escursionisti bloccati

Durante l'estate, vi invitiamo a trovare gli articoli distribuiti quest'anno sul sito. Oggi un articolo originariamente pubblicato il 14/10/2022.

Frane e inondazioni a seguito di forti piogge monsoniche hanno ucciso 48 persone in Nepal.

In Nepal, le forti piogge alla fine del monsone hanno causato gravi inondazioni e smottamenti. Deploriamo almeno 48 persone nelle ultime due settimane. I funzionari hanno detto giovedì che altri 13, spazzati via da un fiume nel remoto villaggio di Rachuli nella provincia di Karnali, sono scomparsi.

"Ci sono state forti piogge alla fine del monsone che hanno causato frane e inondazioni nelle parti occidentali del paese", ha detto all'AFP Pradip Kumari Koirala, responsabile della gestione dei disastri. "Attualmente stiamo svolgendo operazioni di soccorso e distribuzione dei soccorsi in queste aree mobilitando le forze di sicurezza e altre agenzie, poiché la situazione meteorologica è migliorata", ha aggiunto.

Le 13 persone scomparse stavano andando ai funerali. Un funzionario locale, Saroj Adhikaria, ha parlato con l'AFP.

"L'operazione di ricerca è ancora in corso. Ma la speranza è molto bassa ora", ha detto.

Anche gli escursionisti sono rimasti bloccati all'inizio di questa settimana nelle montagne nepalesi. Quasi 700 di loro alla fine sono stati salvati o sono riusciti a continuare il loro viaggio, ma altri ancora devono essere salvati. "Stiamo valutando il numero di persone da soccorrere", ha affermato Binod Sapkota della Nepal Trekking Agencies Association.

MC (con AFP)


Articoli recenti >

Riepilogo delle novità del 26 settembre 2023

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >