L'ONU riconosce che i cristiani sono stati vittime di crimini contro l'umanità e crimini di guerra in Iraq

Shutterstock_724398763.jpg

In un rapporto, il team investigativo delle Nazioni Unite incaricato di promuovere la responsabilità per i crimini commessi dal gruppo dello Stato islamico denuncia la persecuzione dei cristiani.

Il team investigativo delle Nazioni Unite incaricato di promuovere la responsabilità per i crimini commessi dal gruppo dello Stato islamico in Iraq ha appena rilasciato il suo rapporto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Gli esperti hanno detto, con parole echeggiate da The Associated Press, che le prove raccolte in Iraq supportano le conclusioni preliminari secondo cui gli estremisti dello Stato islamico hanno commesso crimini contro l'umanità e crimini di guerra contro la comunità cristiana a partire dal 2014.

Denunciano la persecuzione dei cristiani, il sequestro delle loro proprietà, la violenza sessuale, la schiavitù e altri “atti disumani”, comprese le conversioni forzate e la distruzione di siti culturali e religiosi.

Gli esperti intendono per gruppo Stato islamico anche le altre denominazioni, ovvero Daesh e Stato islamico in Iraq e nel Levante.

Si è appena svolto a Norimberga, in Germania, un corso di alta formazione in aiuti umanitari internazionali e diritto penale internazionale per 19 membri della magistratura irachena.

"L'obiettivo del nostro lavoro congiunto è ritenere i membri dell'ISIL, coloro che hanno commesso crimini internazionali così atroci, responsabili attraverso processi basati su prove davanti ai tribunali competenti", afferma Christian Rische, capo del team Onu, prima di precisare: "L'UNITAD continuerà a lavorare in collaborazione con l'Iraq per garantire che ci muoviamo verso il raggiungimento di questo obiettivo".

MC

Immagine: Goccia di luce / Shutterstock.com

Nella sezione Persecuzione >



Notizie recenti >