L'ONU preoccupata "per la proliferazione di incitamenti all'odio e messaggi che incitano alla violenza" nella Repubblica Democratica del Congo

Shutterstock_1715020894.jpg

Martedì a Ginevra, il direttore della divisione operazioni sul campo dell'Ufficio dell'Alto Commissario per i diritti umani (OHCHR) ha espresso preoccupazione per la "proliferazione dell'incitamento all'odio e dei messaggi che incitano alla violenza, alla discriminazione e all'ostilità" nella Repubblica Democratica del Congo ( Repubblica Democratica del Congo).

"Rimango preoccupato per la proliferazione di incitamenti all'odio e messaggi che incitano alla violenza, alla discriminazione e all'ostilità, in particolare in relazione alla concorrenza politica, al conflitto armato a est e ai conflitti intercomunali nel resto del paese", ha affermato Christian Salazar Volkmann, direttore della divisione operazioni sul campo dell'Ufficio dell'Alto Commissario per i diritti umani (OHCHR) davanti al Consiglio per i diritti umani martedì.

A un anno dalle prossime elezioni presidenziali, l'ONU ritiene importante che la “situazione della sicurezza” non si deteriori.

Secondo la Missione di stabilizzazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo (MONUSCO), questi "discorsi di odio e incitamento alla violenza" sono ostacoli significativi alla "coesione sociale" nel paese.

Anche il capo della MONUSCO, Bintou Keita, che è anche il rappresentante speciale del Segretario generale per la RDC, ritiene che tali discorsi rischino di “precipitare alcune regioni del Paese verso violenze generalizzate”.

La situazione della sicurezza del Paese è infatti preoccupante, in particolare nelle province del Nord Kivu e dell'Ituri. Ti abbiamo segnalato proprio ieri, un attacco attribuito ai ribelli dell'ADF (Allied Democratic Forces) che ha provocato la morte di almeno dieci civili, tra cui un pastore, e una ventina di dispersi martedì sera nella provincia del Nord Kivu.

L'Onu si rammarica che "le misure adottate per applicare lo stato d'assedio, entrato in vigore il 6 maggio 2021 nelle province del Nord Kivu e dell'Ituri, non sembrano aver dissuaso i gruppi armati dall'attaccare i civili. , in particolare nei siti di sfollati interni ”.

Determinata a combattere questo flagello, la Missione delle Nazioni Unite ha avviato un "gruppo di lavoro sulla prevenzione e la risposta all'incitamento all'odio" mentre l'OHCHR invita Kinshasa "a prendere senza indugio le misure necessarie per contrastare questo fenomeno".

Ricordiamo che la Repubblica Democratica del Congo è classificata al 40° posto nella classificaIndice globale della persecuzione dei cristiani 2022 della ONG Portes Ouvertes. L'organizzazione indica che se il Paese "è in maggioranza" cristiano, "gruppi islamici armati perseguitano violentemente i cristiani nel nordest e minacciano la libertà di culto".

“La situazione nella Repubblica Democratica del Congo è molto complessa. Molti gruppi armati si oppongono, compresi alcuni con un'agenda islamica espansionistica. Le persistenti violenze contro i cristiani hanno provocato un forte sfollamento della popolazione e destano grande preoccupazione”, continua l'organizzazione per la difesa dei cristiani perseguitati.

Camille Westphal Perrier

Credito immagine: Shutterstock / Katja Tsvetkova

Articoli recenti >

23 febbraio 2024 Riepilogo notizie

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >