Le monache di Madre Teresa lasciano il Nicaragua, dopo aver ritirato la loro approvazione

shutterstock_1736354240.jpg

Le suore della Congregazione delle Missionarie della Carità, un ordine creato da Santa Teresa di Calcutta (1910-1997), hanno lasciato il Nicaragua mercoledì, una settimana dopo che le autorità hanno dichiarato illegali le loro operazioni, secondo una ONG.

Il presidente Daniel "Ortega, proprio quello che ha ricevuto Madre Teresa di Calcutta negli anni '1980, è colui che ha espulso la sua congregazione religiosa dal Paese", ha detto mercoledì su Twitter il Centro nicaraguense per i diritti umani (Cenidh).

Secondo questa fonte, le quindici monache sarebbero state espulse come se fossero “delinquenti”.

La congregazione è stata dichiarata illegale la scorsa settimana dal Parlamento, controllato dal Fronte sandinista di liberazione nazionale (FSLN, ex guerrigliero al potere), e da un centinaio di ONG con la motivazione di aver infranto la legge non comunicando la propria situazione finanziaria e non spiegando l'origine delle donazioni ricevute.

Secondo il Ministero dell'Interno, che controlla le Ong e che aveva chiesto la cancellazione di oltre 700 di queste organizzazioni, le Missionarie della Carità non erano accreditate per svolgere azioni di assistenza sociale.

Il cardinale del Nicaragua e vescovo dell'arcidiocesi di Managua, Leopoldo Brenes, ha “profondamente” rammaricato lunedì per la chiusura di questa fondazione che ha fornito “aiuto agli indigenti”.

Il quotidiano La Prensa ha riferito che le suore - provenienti da diversi paesi - hanno lasciato il Nicaragua attraverso il confine terrestre con il Costa Rica. Il governo non ha commentato l'argomento.

È una nuova illustrazione delle crescenti tensioni tra il governo Ortega e la Chiesa cattolica dal 2018, quando diverse istituzioni religiose hanno offerto rifugio ai manifestanti durante la repressione dei movimenti sociali.

Sono stati repressi nel sangue con un bilancio di almeno 355 morti, 2.000 feriti, mezzo migliaio di prigionieri e decine di migliaia di esiliati, secondo le organizzazioni per i diritti umani.

Daniel Ortega, ex guerrigliero al potere dal 2007, aveva attribuito queste manifestazioni a un fallito colpo di stato dell'opposizione con l'appoggio degli Stati Uniti, e aveva accusato i rappresentanti della chiesa di far parte di questo complotto.

Il Nunzio Apostolico (Ambasciatore Vaticano) in Nicaragua Waldemar Stanislaw Sommertag è stato espulso a marzo.

Il Vaticano ha affermato di aver ricevuto “con grande sorpresa e rammarico” la notifica che il governo aveva ritirato la licenza dal vescovo Sommertag, “costringendolo a lasciare immediatamente il Paese”.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com/Zvonimir Athletic

Articoli recenti >

Testimonianza di Anthony Belmonte: "Attraverso il calcio sono un po' missionario"

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >