La Corte Suprema degli Stati Uniti respinge l'appello dell'assassino della chiesa di Charleston

Shutterstock_1016894431.jpg

L'appello di Dylan Roof viene respinto dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, che conferma la sua condanna a morte.

Nel 2015, Dylan Roof ha ucciso nove persone in una chiesa della comunità nera americana a Charleston, nella Carolina del Sud. Dodici giurati federali lo hanno condannato alla pena di morte nel 2017.

L'assassino di Charleston ha impugnato il verdetto. Una chiamata che Corte Suprema degli Stati Uniti ha appena respinto, confermando così la sua condanna a morte.

Il suprematista bianco aveva fatto irruzione nella chiesa durante uno studio biblico. Mentre la comunità era in preghiera, Dylan Roof ha aperto il fuoco, uccidendo nove vittime, tutte nere.

La congregazione ha poi sorpreso la comunità internazionale perdonando il suprematista. “Sei il benvenuto mercoledì sera per il nostro studio biblico. Hai ucciso la maggior parte delle persone più belle che conosco”, ha detto la madre di una vittima, “Ogni fibra del mio corpo fa male. Non sarò mai più lo stesso. Tywanza era il mio eroe... Ma Dio abbi pietà della tua anima”. La nipote del pastore Daniel Simmons, una vittima, aveva dal canto suo affermato che «l'odio non trionferà».

Rovesciato, Mark Zuckerberg ha onorato la comunità che ha visitato e che considerava "un simbolo di resilienza".

MC


Articoli recenti >

“Barbari alle nostre porte”: gli evangelici americani vedono Trump come il loro protettore

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >