Aumentano gli attacchi alla laicità: i numeri che interrogano

Shutterstock_355490030.jpg

Dall'ultimo anno scolastico, l'uso da parte degli alunni di segni destinati o con connotazione religiosa ha conosciuto un notevole incremento, da qui l'importanza assunta dal tema della "attacchi al laicismo". Si è così passati dalle 313 segnalazioni di quest'ordine nel settembre 2022 alle 720 di ottobre, più del doppio.

Un sondaggio commissionato all'IFOP dalla Fondazione Jean Jaurès e Charlie Hebdo, pubblicato nel gennaio 2021 in seguito all'attacco a Samuel Paty e relativo al " sfide al secolarismo e forme di separatismo religioso a scuola”, stava già dando risultati preoccupanti. Quasi un insegnante su due (49%) afferma di essere stato sfidato nel suo insegnamento su questioni religiose; L'80% degli insegnanti afferma di essersi confrontato almeno una volta durante la propria carriera con un reclamo legato al credo religioso (esenzione dalle lezioni, menu speciali in mensa, ecc.)…

Il sondaggio ci ha anche informato, spingendo al culmine la preoccupazione, che il 25% degli insegnanti dà torto a Samuel Paty per aver tenuto il suo corso sulla libertà di espressione dalle vignette di Maometto.

La pubblicazione su 9 novembre 2022 di una circolare ministeriale dettaglia le risposte che le scuole devono dare a questi attacchi. Prevede una gradazione delle risposte, che vanno dal dialogo con l'alunno, primo passo obbligato, all'esclusione, potendo ricollocare i consigli di disciplina quando la situazione è ritenuta delicata.

Il significato incerto di un fenomeno già antico

In verità, il problema è tutt'altro che nuovo. Era già lui che intendeva risolvere il Legge 2004 proibire l'uso vistoso di simboli religiosi a scuola. Lo stesso anno, un rapporto dell'Ispettorato generale, presentato da Jean-Pierre Obin (Segni e manifestazioni di appartenenza religiosa nelle scuole) ha già allertato sulla crescente importanza del fenomeno.

Due anni prima era stata pubblicata l'opera collettiva I territori perduti della Repubblica, denunciando le crescenti manifestazioni di antisemitismo da parte degli studenti di origine musulmana. Da allora l'allarme è suonato con regolarità, soprattutto da quando nel 2015 sono stati organizzati minuti di silenzio nelle scuole dopo l'attentato a Charlie Hebdo sono stati disturbati o, più récemment, nel contesto dell'assassinio di Samuel Paty.

Le sfide al principio di laicità nella scuola sono dunque oggetto di interesse pubblico da almeno vent'anni, o addirittura da quasi 35 anni, se ne ripercorriamo la storia prima impresa del velo a scuola, all'inizio dell'anno scolastico 1989. Tuttavia, la permanenza stessa del fenomeno, il suo periodico ritorno alla ribalta sulla scena politica e/o mediatica, non è senza porre l'idea stessa di "attacco secolarismo" una serie di problemi.

Come spiegare l'aumento degli attacchi alla laicità nelle scuole? (FranciaCultura, 2022).

La prima è che tale ricorrenza rischia di relativizzare l'importanza del fenomeno. Da quando è durato ed è stato denunciato, i progressi sono stati appena evidenti. Le 720 segnalazioni dello scorso ottobre sono ovviamente molte di più rispetto alle 313 registrate a settembre. Ma da un lato, questo aumento non è di così facile interpretazione: riflette un oggettivo aumento del numero dei casi di violazione del principio di laicità o una minore riserva da parte dell'establishment a denunciarli? D'altra parte, rispetto ai 60 istituti (scuole, college, licei) esistenti in Francia, la percentuale rimane bassa.

Si pone anche la questione se sia opportuno isolare i comportamenti individuati come “attacchi al principio di laicità” da altre manifestazioni di contestazione in generale di un ordinamento scolastico che un certo numero di alunni sembra avere più difficoltà ad integrare. Sarebbe interessante anche sapere quali sono gli specifici contesti scolastici in cui si osservano queste sfide: non tutti gli istituti, anche in aree sensibili, ne sono ugualmente esposti.

Ciò consentirebbe di costruire rappresentazioni della realtà molto più fini e circospette di quelle offerte all'opinione pubblica da un certo discorso politico-mediatico, e che possono portare a un'eccessiva drammatizzazione.

Sondaggi non compatibili tra loro

Gli attacchi alla laicità nelle scuole sono tanto più difficili da valutare in quanto i recenti sondaggi non puntano tutti nella stessa direzione. Possiamo così confrontare l'indagine della fondazione Jean Jaurès con un'altra, realizzata un anno prima, nel gennaio 2020, dal CNESCO (Centro nazionale per lo studio dei sistemi scolastici, ora sciolto). Era intitolato "Laicità e religione nella scuola: una valutazione degli atteggiamenti civici degli studenti delle scuole medie e superiori", ed è stato condotto con 1 studenti del nono e ultimo anno, 600 insegnanti e 500 presidi.

Ma cosa mostra questo sondaggio? Quasi esattamente l'opposto di quello che muoveva quella della Fondazione Jean Jaurès: “all'interno della scuola, gli studenti, e ancor più il personale educativo […] aderiscono molto al principio della laicità” . Così, il 90% degli studenti delle scuole medie e il 91% degli studenti delle scuole superiori ritengono che la tolleranza tra loro sia importante o molto importante, anche nei confronti di studenti di altra religione; Il 91% degli studenti (classi del terzo e ultimo anno insieme) crede che gli insegnanti li rispettino indipendentemente dalle loro convinzioni o opinioni.

Infine, pochissimi dirigenti scolastici (2% nelle scuole medie, meno dell'1% nelle superiori) riferiscono di riscontrare grossi problemi con l'insegnamento messo in discussione o con gli studenti che si rifiutano di partecipare, per motivi religiosi, ad alcune attività scolastiche. Dunque, conclude il rapporto del CNESCO, che gli alunni francesi testimoniano un'adesione al principio di laicità decisamente superiore a quella dei loro compagni europei.

Attacchi alla laicità a scuola (C dans l'air, 2020).

Le controversie del laïcité esistono innegabilmente e l'indagine della fondazione Jean Jaurès non è inficiata da quella del CNESCO sull'adesione alla laicità. Ma quest'ultimo è di natura tale da mitigare seriamente l'impressione disastrosa lasciata dal primo e richiede prudenza quanto alle conclusioni che se ne possono trarre. Senza esserne sordi, dobbiamo prendere le distanze dal ritornello angoscioso che, dai "territori perduti della Repubblica" all'inchiesta della fondazione Jean Jaurès, dal 2002 al 2021, ci viene cantato. In altre parole, dobbiamo guardarci dal “panico morale” che la questione laica tante volte sembra provocare.

Il concetto di "panico morale", ripreso in Francia in particolare da Ruwen Ogien, fu forgiato dal Il sociologo inglese Stanley Cohen. Designa una reazione eccessiva a "una condizione, un evento, una persona o un gruppo di persone […] designato come una minaccia ai valori e agli interessi di una società". La definizione, siamo d'accordo, aderisce abbastanza bene all'eccitazione che regolarmente provoca il sentimento di una laicità minacciata.

Un problema politico o educativo?

Insomma, ci si chiede se gli individuati “attacchi alla laicità” abbiano tutti, e inequivocabilmente, un significato politico. Possiamo infatti ritenere che il problema abbia anche una dimensione educativa, richiedendo l'implementazione di sistemi educativi per rendere meno frequenti questi attacchi. In che modo gli studenti possono appropriarsi delle regole dell'istituzione scolastica e sperimentare il valore dei valori che essa si prefigge di trasmettere?

Andiamo ancora un po' oltre: se la scuola deve essere un "santuario", al riparo da quello che Pascal chiamava "il tumulto del mondo", non è forse anche nel senso che gli alunni vi sono protetti dalle loro stesse peregrinazioni, anche se fossero antisecolari, cioè nel senso che ci si può aspettare da un'educazione un'attitudine a liberarli da loro? Non dovremmo dunque interrogarci criticamente non solo sul significato dell'espressione "attacchi alla laicità", ma anche sulla rilevanza di una risposta a questi attacchi in termini - più amministrativi che pedagogici - di "denuncia"?

Queste domande non devono essere intese come la negazione di un fenomeno che tocca profondamente la vita degli stabilimenti in cui si verifica. Si tratta semplicemente di metterne in discussione l'univocità formulando, in sintesi, tre ipotesi sugli attacchi alla laicità subiti dalla scuola oggi. In primo luogo, la loro natura massiccia e in crescita non è ovvia. Poi, dare loro sistematicamente un significato politico è forse un'interpretazione riduttiva che nuoce a una comprensione dettagliata del fenomeno. Infine, le soluzioni che essi invocano non sono sempre e necessariamente, e senza dubbio nemmeno primariamente, soluzioni amministrative e disciplinari, senza che mai ci si chieda come una comunità educativa affronti pedagogicamente questi problemi.

Peter Kahn, Professore Universitario Emerito, Università di Caen Normandia

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: Shutterstock/EQRoy

Articoli recenti >

23 febbraio 2024 Riepilogo notizie

icona dell'orologio delineata in grigio

Notizie recenti >