Armenia: sale a 16 il bilancio delle vittime dell'esplosione di Yerevan

Il bilancio delle vittime dell'esplosione di origine indeterminata avvenuta domenica in un'area commerciale di Yerevan, capitale dell'Armenia, è salito a 16 morti, ha affermato martedì il ministero armeno per le situazioni di emergenza.

"Sedici corpi sono stati scoperti durante i lavori di ricerca e soccorso", ha affermato il ministero in una nota.

Secondo il ministero, sono scomparse altre 18 persone.

Le autorità hanno anche segnalato più di 60 feriti e inviato sul posto più di 350 soccorritori.

Un'esplosione, la cui origine non è stata immediatamente nota, si è verificata domenica pomeriggio al mercato all'ingrosso di Surmalu a Yerevan. Questo posto è tradizionalmente molto affollato la domenica.

Alcuni media, citando testimoni, hanno riferito che l'esplosione è avvenuta in un luogo dove erano conservati i fuochi d'artificio.

Le autorità hanno già escluso le tracce di un attentato, annunciando l'apertura di un'indagine per "violazione delle norme per lo stoccaggio di prodotti facilmente infiammabili" e "violazione delle norme antincendio" che ha portato alla morte di diverse persone "per negligenza".

Questa esplosione piange un Paese che sta attraversando un periodo difficile.

Un piccolo paese caucasico di circa tre milioni di abitanti, l'Armenia sta ancora lottando per riprendersi da una guerra che l'ha contrapposta nel 2020 contro il vicino Azerbaigian, terminata con una pesante sconfitta e una grave crisi politica.

Un segno di nervosismo, poco dopo l'esplosione nel mercato di Surmalu, la metropolitana di Yerevan è stata evacuata a causa di una minaccia di bomba, hanno detto le autorità, aggiungendo che alla fine non era stato trovato alcun ordigno esplosivo.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com / Nastya Smirnova RF

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.