Angelina Jolie in Pakistan: "Non saranno qui tra poche settimane, non sopravviveranno"

Angelina Jolie si è recata in Pakistan dopo le devastanti inondazioni. Richiede una maggiore azione da parte della comunità internazionale.

La star di Hollywood Angelina Jolie, anche lei emissaria dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), ha visitato il Pakistan, dove sette milioni di persone sono state sfollate a causa delle inondazioni. Crede che le devastanti inondazioni in Pakistan dovrebbero servire da campanello d'allarme per il mondo sulle conseguenze del riscaldamento globale e chiede maggiore aiuto. "Non ho mai visto niente di simile", ha detto mercoledì.

Secondo gli esperti, queste inondazioni sono state causate da piogge monsoniche torrenziali, la cui intensità è stata aumentata dal riscaldamento globale. Hanno coperto un terzo del Pakistan e causato la morte di quasi 1 persone da giugno, secondo l'ultimo rapporto ufficiale.

“Sono risolutamente dalla tua parte quando si tratta di spingere la comunità internazionale a fare di più (…) È un vero segnale di allarme per il mondo su dove siamo” in tema di riscaldamento globale, ha aggiunto Angelina Jolie durante un incontro con civili e ufficiali militari a Islamabad. "Il cambiamento climatico non è solo reale, non solo sta per accadere, è già completamente qui", ha aggiunto.

L'attrice ha visitato la provincia del Sind, una delle più colpite, dove ha parlato con le persone sfollate dalle inondazioni e che vivono nei campi. “Ho parlato con persone dicendo a me stesso che se non arrivano abbastanza aiuti, non ci saranno in poche settimane, non sopravviveranno. Ci sono tanti bambini, così malnutriti", ha detto Angelina Jolie, mentre gli sfollati sono minacciati, secondo l'Onu, di un "secondo disastro" causato da malattie come la dengue, la malaria, il colera, la diarrea o la malnutrizione.

Nelle osservazioni riprese dalAgenzia Fides, i vescovi pakistani delle tre diocesi più colpite, affermano che “le inondazioni hanno distrutto case ma non hanno tolto la fede ai cattolici, che stanno soffrendo nel mezzo della crisi”.
“Anche oggi lo scenario è preoccupante e doloroso. Tuttavia, le persone colpite si aggrappano all'istinto di sopravvivenza e anche alla forza spirituale interiore che guida sempre le persone verso la vita e le porta a sperare nel futuro”, ha affermato l'arcivescovo Benny Travas, arcivescovo di Karachi.

MC (con AFP)

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.