A 90 anni, il cardinale Joseph Zen è stato arrestato e poi rilasciato su cauzione a Hong Kong

Il cardinale Joseph Zen è un instancabile difensore delle libertà politiche e delle riforme democratiche.

Mercoledì, un cardinale, una pop star pro-democrazia e un accademico sono stati arrestati a Hong Kong ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale. Alla fine sono stati rilasciati su cauzione, secondo i media locali mentre Washington e il Vaticano hanno espresso preoccupazione.

Un video pubblicato su Twitter mostra il cardinale in pensione Joseph Zen, 90 anni, uno dei religiosi cattolici più anziani di Hong Kong, che lascia una stazione di polizia nel distretto di Chai Wan.

Gli Stati Uniti avevano esortato la Cina e Hong Kong a "rilasciare immediatamente (attivisti) ingiustamente detenuti e accusati, come il cardinale Joseph Zen", in una dichiarazione mercoledì di Karine Jean-Pierre, vice portavoce della Casa Bianca, durante una conferenza stampa.

Il direttore della sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, ha detto ieri pomeriggio ai giornalisti di aver "appreso con preoccupazione la notizia dell'arresto del cardinale Zen e di aver seguito con estrema attenzione l'evolversi della situazione".

Tutte queste personalità avevano partecipato alla gestione di un fondo, ora sciolto, destinato a finanziare la difesa degli attivisti arrestati durante le grandi manifestazioni pro-democrazia che hanno scosso l'ex colonia britannica nel 2019. Joseph Zen è stato uno degli amministratori di questo 612 Umanitario Support Fund, che ha aiutato i manifestanti arrestati a pagare le spese legali e mediche.

Il cardinale è un instancabile difensore delle libertà politiche e delle riforme democratiche. Si è sempre opposto all'accordo sino-vaticano del 2018, rifiutando qualsiasi accordo tra la Chiesa cattolica e Pechino sulla nomina dei vescovi cinesi, ritenendo che sarebbe un tradimento dei membri perseguitati dalla Chiesa non ufficiale in Cina. È stato arrestato da una sezione di polizia responsabile del monitoraggio della sicurezza nazionale cinese ed è stato interrogato per diverse ore in una stazione di polizia.

Gina Goh, Direttore Regionale di Preoccupazione cristiana internazionale International per il sud-est asiatico, deplora "l'erosione della libertà in tutti i suoi aspetti a Hong Kong", affermando che "un numero crescente di combattenti per la libertà viene arrestato e incarcerato con accuse inventate".

MC (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com/Ursidae

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.