Afghanistan: talebani festeggiano un anno al potere dal “giorno della conquista”

I talebani hanno intonato lunedì le canzoni della vittoria a Kabul, vicino all'ex ambasciata Usa, per celebrare il primo anniversario del loro ritorno al potere in Afghanistan, un anno segnato da una forte regressione dei diritti delle donne e da una profonda crisi umanitaria.

Il 15 agosto 2021 i fondamentalisti islamici si sono impadroniti della capitale Kabul senza combattere, dopo un'offensiva fulminea portata avanti su tutto il territorio contro le forze governative in rotta, grazie al ritiro delle truppe americane e della NATO, dopo vent'anni di conflitto nel Paese che ha lasciato decine di migliaia di morti.

“Abbiamo adempiuto all'obbligo della jihad e liberato il nostro Paese”, riassume Niamatullah Hekmat, un combattente talebano entrato a Kabul quel giorno.

“Oggi è il giorno della vittoria e della felicità per i musulmani e il popolo afghano. È il giorno della conquista e della vittoria della bandiera bianca" dell'Emirato islamico, ha dichiarato su Twitter il portavoce del governo, Bilal Karimi.

Il caotico ritiro delle forze straniere è proseguito fino al 31 agosto, con decine di migliaia di civili in preda al panico che si sono precipitati nell'unico aeroporto della capitale ad essere evacuati fuori dal Paese, con qualsiasi volo disponibile.

Immagini sbalorditive di folle che assaltano gli aerei parcheggiati sull'asfalto, salgono su un aereo o cercano di aggrapparsi a un aereo cargo militare statunitense in decollo hanno segnato il mondo.

Molti talebani, con o senza armi, si sono spontaneamente radunati in piazza Massoud, un grande incrocio decorato con bandiere bianche dell'Emirato islamico, di fronte all'ex ambasciata americana, e che porta all'aeroporto, ha osservato un giornalista dell'AFPTV.

emirato islamico

“Viva l'Emirato Islamico! Allahu Akbar (Dio è il più grande)! “in particolare cantavano ballando e facendo selfie.

Per le strade di Kabul, sotto un cielo grigio, il traffico era piuttosto scarso e la popolazione discreta, ma come sempre con pattuglie armate talebane nei pick-up e ai posti di blocco.

Fatta eccezione per questo lunedì dichiarato giorno festivo, finora non è stata annunciata alcuna celebrazione ufficiale per celebrare l'anniversario.

Un anno dopo, i combattenti talebani esprimono la loro gioia nel vedere il loro movimento esercitare il potere oggi, in un momento in cui, dal canto loro, le agenzie di aiuto umanitario sono allarmate nel vedere metà dei 38 milioni di abitanti del Paese in condizioni di estrema povertà.

“Quando siamo entrati a Kabul, e quando gli americani se ne sono andati, ci sono stati momenti di gioia”, continua Niamatullah Hekmat, membro delle forze speciali.

Ma per gli afgani comuni, in particolare le donne, il ritorno dei talebani ha solo amplificato le difficoltà.

Molto rapidamente e nonostante la loro promessa iniziale, i nuovi padroni del Paese sono tornati in gran parte all'interpretazione ultra rigorosa dell'Islam che aveva caratterizzato il loro primo passaggio al potere tra il 1996 e il 2001, limitando gravemente i diritti delle donne.

Questi sono esclusi da molti lavori pubblici e vietato viaggiare da soli fuori città.

A marzo, gli islamisti hanno chiuso scuole superiori e college per ragazze, poche ore dopo la loro riapertura da tempo annunciata.

"Tutto ci è stato portato via"

E all'inizio di maggio, il leader supremo talebano ha ordinato alle donne di indossare il velo integrale in pubblico, preferibilmente il burqa.

"Dal giorno in cui sono arrivati, la vita ha perso il suo significato", ha detto Ogai Amail, residente a Kabul. “Tutto ci è stato tolto, sono entrati anche nel nostro spazio personale”.

Sabato a Kabul, combattenti talebani hanno disperso con il calcio dei fucili e colpi in aria una quarantina di donne che manifestavano per il diritto al lavoro e all'istruzione.

Questo lunedì, circa XNUMX di loro si sono radunati a casa di uno di loro e hanno postato foto sui social network con slogan come: “La storia dell'Afghanistan si vergogna della chiusura delle scuole”.

"La nostra richiesta di giustizia è stata messa a tacere dagli spari, ma oggi supplichiamo all'interno della nostra casa", ha detto la manifestante Munisa Mubariz tramite messaggi ai giornalisti.

Se gli afgani accolgono con favore una riduzione della violenza con la fine della guerra, molti di loro sono duramente colpiti da un'acuta crisi economica e umanitaria. I beni del Paese all'estero sono stati congelati da Washington e gli aiuti internazionali, che hanno finanziato circa l'80% del bilancio afgano, stanno lentamente riprendendo dopo essere stati fermati a morte.

"Le persone che vengono nei nostri negozi si lamentano così tanto dei prezzi elevati che noi commercianti stiamo persino iniziando a odiare quello che facciamo", lamenta Noor Mohammad, un commerciante di Kandahar (sud), culla storica e centro del potere talebano.

Nessun paese ha finora riconosciuto il regime talebano.

La Redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com/Torsten Pursche

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.