Afghanistan: i talebani restano leader "illegittimi", affermano le attiviste afgane

Le attiviste afghane hanno affermato domenica che i talebani sono rimasti leader "illegittimi", nonostante l'approvazione del loro regime islamista fondamentalista da parte di migliaia di leader religiosi.

Sabato, dopo tre giorni di incontri nella capitale Kabul, circa 3.500 dignitari religiosi di tutte le regioni dell'Afghanistan hanno giurato fedeltà ai talebani e al loro leader Hibatullah Akhundzada.

Durante questa manifestazione, convocata dai talebani, non sono mai state affrontate questioni spinose come il diritto delle adolescenti ad andare a scuola.

Da allora i talebani hanno voluto presentare l'evento come un voto di fiducia nella loro concezione di uno Stato totalmente soggetto alla Sharia, la legge islamica.

Alla domanda sull'assenza di donne alle riunioni, i talebani hanno spiegato che la loro presenza non era necessaria, in quanto sarebbero state rappresentate da parenti maschi.

"Le dichiarazioni rilasciate, o il giuramento di fedeltà ai talebani, a una manifestazione oa un evento senza la presenza di metà della popolazione del Paese, le donne, non sono accettabili", ha detto Hoda all'AFP Khamosh, un attivista per i diritti umani in esilio in Norvegia.

“Questo raduno (…) non ha legittimità, nessun valore, non ha ricevuto l'approvazione del popolo”, ha aggiunto.

Interpretazione ultra-rigorosa dell'Islam

Dal loro ritorno al potere nell'agosto 2021, i talebani sono tornati in gran parte all'interpretazione ultra rigorosa dell'Islam che ha segnato il loro primo periodo al potere (1996-2001), limitando gravemente i diritti delle donne.

Le hanno quasi completamente bandito dal pubblico impiego, limitato il loro diritto di viaggiare e vietato alle ragazze di frequentare le scuole secondarie. Le donne dovevano indossare il velo integrale, coprendosi il viso, per qualsiasi uscita in pubblico.

Hanno inoltre vietato la musica non religiosa, la rappresentazione di volti umani nelle pubblicità, la trasmissione televisiva di film o serie che mostrano donne senza velo e hanno chiesto agli uomini di indossare abiti tradizionali e di farsi crescere i capelli e la barba.

Cristiani perseguitati

Quando si pubblica la relazione annuale di la Commissione per la Libertà Religiosa Internazionale (USCIRF), la presidente dell'organizzazione, Nadine Maenza, ha espresso la sua disperazione per il deterioramento della libertà religiosa in Afghanistan.

In particolare, ha denunciato l'“immediata e disastrosa spirale discendente” in cui sono precipitate le condizioni della libertà religiosa da quando i talebani hanno preso il potere. I cristiani sono particolarmente presi di mira.

Il paese occupa il primo posto nellaIndice globale della persecuzione cristiana 2022 della ONG Portes Ouvertes ed è anche tra i vincitori del I "Persecutori dell'anno 2022" di International Christian Concern. Un rapporto che elenca i primi 16 persecutori dei cristiani nel mondo e nomina tre vincitori del Premio Persecutori dell'anno, secondo 3 categorie, Paesi, entità e individui.

Secondo la CPI, dalla fine del 2021 i talebani hanno usato tattiche per smascherare i cristiani del Paese, portando la persecuzione in Afghanistan al livello più alto da quando è stato istituito il primo governo talebano nel 1996.

"L'unica cosa che gli afgani possono fare è alzare la voce"

A Kabul, anche un collettivo di gruppi di donne ha contestato la rappresentatività dei dignitari religiosi.

"I leader religiosi rappresentano solo una parte della società, non sono l'intera società", ha detto all'Afp Ainoor Uzbik, un membro di questo gruppo.

“Le decisioni che hanno preso servono solo ai loro interessi, non era nell'interesse del Paese e della sua gente. Non c'era niente per le donne nel programma, né nel comunicato (finale)", ha aggiunto, dopo aver tenuto una conferenza stampa.

In una dichiarazione, il collettivo ha affermato che uomini come i talebani hanno già detenuto il potere assoluto nella storia, ma solo per un breve periodo, prima di essere espulsi.

Per Ainoor Uzbik, "l'unica cosa che gli afgani possono fare è alzare la voce e chiedere che la comunità internazionale faccia pressione sui talebani".

Camille Westphal Perrier (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com/timsimages.uk

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.