"150 milioni di donne in più rispetto agli uomini avevano fame nel 2021", secondo l'organizzazione Care

“La parità di genere è strettamente legata alla sicurezza alimentare e nutrizionale a livello locale, nazionale e globale. In poche parole, maggiore è la disuguaglianza di genere in un paese, più le persone affamate e malnutrite sono. »

l'organizzazione CARE, che lotta contro la povertà e si impegna per la dignità delle persone, ha appena pubblicato a analizzare, dal titolo Sicurezza alimentare e uguaglianza di genere: una sinfonia sinergica poco studiata, secondo la quale “150 milioni di donne in più rispetto agli uomini avevano fame nel 2021”.

L'obiettivo dichiarato di questo studio è "esplorare la correlazione tra i valori della disuguaglianza di genere e i punteggi di sicurezza alimentare nel mondo".

L'organizzazione afferma che "per la prima volta è stato dimostrato un legame globale tra disuguaglianza di genere e insicurezza alimentare". Analizzando i dati del 2021, il rapporto mostra che in 109 paesi, con l'aumento della disuguaglianza di genere, la sicurezza alimentare diminuisce.

Christine Campeau, Direttore di CARE Global Advocacy – Food Systems, ha dichiarato:

“Tra il 2018 e il 2021, il numero di donne affamate rispetto agli uomini affamati è aumentato di 8,4 volte, con 150 milioni di donne in più rispetto agli uomini affamati nel 2021”.

E secondo lei “l'escalation del conflitto in Ucraina aggraverà ulteriormente la situazione delle donne, che svolgono un ruolo cruciale nei sistemi alimentari e nel nutrire le loro famiglie e comunità”.

Christine Campeau afferma che “più disuguaglianze di genere ci sono in un Paese, più le persone soffrono la fame e soffrono di malnutrizione”.

“La parità di genere è strettamente legata alla sicurezza alimentare e nutrizionale a livello locale, nazionale e globale. In poche parole, maggiore è la disuguaglianza di genere in un paese, più le persone affamate e malnutrite sono. »

CARE spiega che anche quando uomini e donne sono tecnicamente insicuri dal punto di vista alimentare, le donne spesso sopportano un fardello più pesante. Ad esempio, in Somalia, quando gli uomini dicono di mangiare di meno, le donne parlano di saltare i pasti.

"Dato che le donne continuano a nutrire il mondo, dobbiamo dare loro il posto giusto nei nostri metodi di raccolta e analisi dei dati per rendere visibili le lacune che devono affrontare e lavorare con le donne stesse per trovare soluzioni a queste carenze", afferma Christine Campeau.

MC

Credito immagine: Shutterstock.com / Sadik Gulec

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.