Scozia, desiderio di indipendenza da 10 secoli

Un nuovo referendum "consultivo" sull'indipendenza scozzese dovrebbe tenersi per ottobre 2023, come annunciato fine di giugno Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon. Una "mossa da poker" per il giornali britannici ma anche il secondo dal 2014. L'argomento esce particolarmente nel dibattito pubblico con l'ascesa al trono di Carlo III e dalla morte della regina Elisabetta II.

Questa domanda ci ricorda fino a che punto le questioni dell'indipendenza rimangono cruciali, in particolare nel contesto della Brexit che impone alla Scozia il recesso dall'UE contro la loro volontà. Risalgono anche a un'aspirazione molto antica, molto prima dell'unione ufficiale della nazione scozzese con l'Inghilterra nel 1707.

Nascita del Regno di Scozia

Siamo alla fine del IXe secolo che il Regno di Scozia è veramente nato. Le terre di questo regno, noto come Alba, si estendono dal nord dell'isola (le Highlands) fino al fiume Tweed. I suoi fondatori sono Pitti e Scozzesi. La Scozia testimonia già un forte particolarismo con costumi e una lingua propria. È dominato da diversi clan, che si identificano indossando tartan distinti. Questo giovane regno di Scozia riuscì a imporre la sua indipendenza nei confronti del suo vicino sassone unificato da Alfredo il Grande, che dovette fare i conti con la presenza danese (Danelaw).

Mappa che rappresenta la Scozia medievale
Mappa che mostra l'area di influenza dei regni di Dál Riata (intorno al 600), Fortriú (intorno all'800) e Alba (intorno al 900).
Angus McLellan,/Wikimedia

In XIe secolo, il conquista dell'inghilterra di Guglielmo il Conquistatore dopo la vittoria di Hastings (1066) ridistribuirà in qualche modo le carte nel gioco politico. Istituì una potente monarchia che sapeva sfruttare l'eredità sassone e le innovazioni normanne, ma la vecchia aristocrazia anglosassone si ribellò contro questo nuovo re normanno e cercò sostegno in Scozia.

È così che Edgard, uno dei pretendenti alla corona d'Inghilterra, si rifugia in Scozia e dà in sposa sua sorella Marguerite al potente re di Scozia, Malcolm, proprio quello che aveva ucciso il famoso Macbeth, riconquistare il trono di Scozia.

Guglielmo il Conquistatore e la conquista dell'Inghilterra.

Guglielmo il Conquistatore invade quindi la Scozia e prende in ostaggio il figlio di Malcolm. L'equilibrio del potere inclina la Scozia che entra nel vassallaggio del re d'Inghilterra. Ma William riuscì a negoziare con la Scozia per neutralizzare la ribellione. Fu in questo periodo che la cultura anglo-normanna iniziò a diffondersi nel regno scozzese.

La Scozia, che ha proprie istituzioni con un parlamento con sede a Scone, vive in una situazione di relativa indipendenza nei confronti dell'Inghilterra. Il XIIIe secolo è segnato dallo sviluppo delle città e dell'economia in generale. Ma la morte accidentale del re di Scozia nel 1286, a seguito di una sfortunata caduta da cavallo, sconvolse questo fragile equilibrio. Questa improvvisa scomparsa aprirà una delle più gravi crisi di successione, una delle più sanguinose, che la Scozia abbia mai conosciuto.

Una sanguinosa guerra di successione

Il re defunto, senza un erede diretto dalla morte dei suoi figli, lascia la nipote Marguerite come unica pretendente al trono. È una bambina di 4 anni, nata dall'unione della figlia dell'ex re di Scozia e del re di Norvegia. Ma mentre si imbarca in pieno inverno per raggiungere la Scozia, Marguerite muore durante la traversata.

Jean Balliol nello stemma di Forman (1562). Il suo scettro e la corona sono rotti e il suo stemma bianco riflette il suo soprannome "Empty Tabard"
Jean Balliol nello stemma di Forman (1562). Il suo scettro e la corona sono rotti e il suo stemma bianco riflette il suo soprannome "Empty Tabard".
Biblioteca nazionale scozzese/Wikimedia

Molti pretendenti si spingono per il trono e chiedono al re inglese di decidere tra loro. Ma questo sostegno ha un prezzo: la sottomissione del futuro re di Scozia all'Inghilterra! L'interessato, John Balliol, accetta il mercato così come l'obbligo di inviare contingenti scozzesi a prestare servizio nelle file dell'esercito inglese.

Ma molti scozzesi si oppongono fermamente. John Balliol rompe il suo giuramento e invia una sfida a Edoardo d'Inghilterra. Fu in questo momento che i nobili scozzesi scelsero di avvicinarsi al re francese per combattere meglio gli inglesi. Fu così che fu firmato un trattato di alleanza militare con Philippe le Bel: "l'alleanza Auld" nel 1295, ognuno dovendo portare uomini e armi per combattere contro gli eserciti inglesi nelle terre della Scozia come nel continente.

Video su “Auld Alliance” (canale Gallia).

Tuttavia, la ribellione scozzese fu rapidamente repressa dagli inglesi. La fanteria viene massacrata ei nobili scozzesi vengono quasi tutti catturati. Balliol è rinchiuso nella Torre di Londra.

Le ostilità ripresero nel 1296 con un'incursione scozzese al confine settentrionale dell'Inghilterra. Il re inglese risponde massacrando la popolazione civile di Berwick, la città più popolosa della Scozia. Fu in questa occasione che il re inglese Edoardo Ier coglie il "Pietra del destino", una sorta di pietra magica essenziale per il rituale di incoronazione dei re scozzesi.

Replica della "Pietra del Destino", al Palazzo di Scone in Scozia
Replica della "Pietra del Destino", a Scone Palace in Scozia.
Wikimedia, CC BY-ND

Il vero "cuore coraggioso"

Questa formidabile repressione non spezza però il desiderio di indipendenza della Scozia. Nel 1297 fu un semplice scudiero a far capo alla rivolta: William Wallace. La pellicola Braveheart con Mel Gibbons (1995) racconta in chiave epica questo episodio emblematico della storia scozzese. William Wallace diventa presto l'eroe della resistenza scozzese contro gli inglesi. Assassina uno sceriffo inglese e raccogliere tutti i ribelli dietro di lui.

rimorchio di Braveheart 1995.

Wallace si impossessa di diverse fortezze controllate dagli inglesi. Edoardo Ier raduna un imponente esercito in Scozia (3000 uomini d'arme, 25000 fanti inglesi e gallesi, si dice). Ma a Falkirk gli arcieri inglesi e gallesi decimarono gli "schiltrom" (battaglioni di picchieri) scozzesi.

Nel dicembre 1305 William Wallace fu catturato e torturato: trascinato, impiccato e squartato, le sue spoglie furono in parte inviate in Scozia come esempio. Ma il terrore atteso non dà frutti. Un altro scozzese si solleverà contro gli inglesi: Robert Bruce. Quest'ultimo riesce ad essere incoronato il 25 marzo 1306, ma è a vivere nascosto.

Re Roberto I di Scozia e Isabella di Mar sua moglie
Re Roberto I di Scozia e Isabella di Mar sua moglie.
Illuminazioni create per Marie Scott/Wikimedia

Mentre fuggiva in Irlanda, i suoi seguaci furono braccati e giustiziati spietatamente. I suoi tre fratelli vengono torturati e sua sorella rinchiusa in una gabbia nel castello di Roxburgh. Ma la morte di Edoardo Ier gli permette di riunire ambasciatori francesi al parlamento scozzese per riconoscere ufficialmente il suo potere. L'erede dell'Inghilterra, Edoardo II, reagì molto rapidamente per rompere questo slancio inviando il suo esercito a prendere posizione nel sud della Scozia.

Bruce è attento a evitare qualsiasi battaglia campale, conduce una guerra di molestie contro gli inglesi. Nel 1314 pose l'assedio a Stirling, un luogo strategico di confine. Il re inglese Edoardo II in persona vola in soccorso del luogo. Inizia quindi uno scontro tra l'esercito di Edward e quello di Robert Bruce: è il famosa battaglia di Bannockburn.

Lo scontro dura due giorni al termine dei quali Edoardo d'Inghilterra viene estratto in extremis dalla mischia. Bannockburn è così registrato come la grande vittoria del popolo scozzese e il simbolo della sua lotta per la sua indipendenza.

Bandiera scozzese che sventola nel sito della battaglia di Bannockburn che ora è visitato in Scozia
Bandiera scozzese che sventola nel sito della battaglia di Bannockburn che ora è visitato in Scozia.
Wikimedia, CC BY-NC-ND

Svolta francese

Nel 1320 i nobili scozzesi inviarono una missiva al papa – allora riconosciuto come una sorta di arbitro internazionale – per informarlo dell'indipendenza ufficiale della Scozia dall'Inghilterra, era il Dichiarazione all'estero.

Anche Robert Bruce rinnova la sua alleanza con i francesi (1326). Nel 1328, il nuovo re inglese Edoardo III riconobbe l'indipendenza della Scozia (Trattato di Northampton), mentre divideva la nobiltà scozzese. Nel 1332, nella battaglia di Duplin Moor, alcuni nobili scozzesi dissidenti unirono le forze con gli inglesi contro i loro compatrioti. È la rivincita dell'esercito inglese che sperimenta una nuova tattica: i cavalieri combattono questa volta a piedi.

L'erede di Robert Bruce, David, trova rifugio in Francia, con Filippo VI. Nel 1346, aiutati dai francesi, gli scozzesi mobilitarono le loro truppe contro il re d'Inghilterra, ma furono nuovamente sconfitti nella battaglia di Neville's Cross. David è imprigionato nella Torre di Londra. Viene liberato dopo 11 anni di prigionia. Morì nel 1371 in discredito, avendo sposato la vedova di un nobile inglese minore.

In questa data, gli inglesi mobilitano la maggior parte delle loro forze nella loro guerra contro la Francia, in cui gli scozzesi questa volta aiuteranno i francesi contro il loro nemico comune. Fino alla metà del XVe secolo, troviamo combattenti scozzesi accanto ai francesi. Il re di Francia sceglierà anche uno scozzese come poliziotto, vale a dire per guidare il suo esercito!

La Pietra del Destino, emblema della sfiducia

Le relazioni tra Inghilterra e Scozia si sarebbero pacificate nel corso dei secoli e la Scozia sarebbe diventata una nazione costituente del Regno Unito (il suo stato attuale), un'unione politica con il Regno d'Inghilterra, il 1er Maggio 1707.

Tuttavia, permane una forma di sfiducia reciproca e storica, alimentata dai rapporti politici tra i partiti (unionisti, indipendentisti, ecc.) e alimentata dalle crisi come mostrato più recentemente dalla Brexit.

Per non parlare di un profondo risentimento legato al furto della Pietra del Destino, emblema della monarchia scozzese, durante la Guerra dei Cent'anni. Infatti, nonostante la promessa del re d'Inghilterra nel 1328 di restituire la pietra, rimase a Westminster per molti anni.

Ma gli scozzesi ripararono la svista con la forza. Nel 1950, diversi studenti indipendentisti dell'Università di Glasgow lo rubarono e lo ricollocarono nell'abbazia di Scone prima che fosse restituito alla corona inglese. Dal 1996, questa pietra, vera o falsa, ora riposa nel Castello di Edimburgo e dovrebbe presto essere al centro di una mostra a Perth, in Scozia.

Valerie Toureille, Professore di Storia del Medioevo, CY Cergy Università di Parigi

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi ilarticolo originale.

Credito immagine: foto di Shutterstock/makasana

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.