La Chiesa ortodossa ucraina sotto Mosca propone una processione pasquale a Mariupol

La Chiesa ortodossa ucraina sotto il Patriarcato di Mosca si stava preparando venerdì a organizzare una processione pasquale nella città assediata di Mariupol per evacuare civili e soldati feriti.

La Chiesa “è pronta ad organizzare una processione da Orikhiv, nella regione di Zaporizhia, allo stabilimento Azovstal di Mariupol per portare i soccorsi ed evacuare i civili. Questa processione potrebbe anche contribuire all'evacuazione dei soldati feriti e al recupero dei corpi”, ha affermato il metropolita Onufriï, capo della Chiesa ortodossa ucraina sotto il Patriarcato di Mosca, in un comunicato stampa sul sito web della Chiesa.

“Ci rivolgiamo a chi può interessare e chiediamo di garantire un cessate il fuoco a Mariupol e nella sua periferia, nonché un corridoio umanitario per la suddetta processione di preghiera del Venerdì Santo, 22 aprile, a Pasqua”, celebrata dagli ortodossi il 24 aprile.

Intervistato dall'Afp, il metropolita Kliment Vetcheria, capo della comunicazione della Chiesa sotto il Patriarcato di Mosca, ha affermato che la sua chiesa sta facendo "tutto il possibile" e pregando affinché la processione abbia luogo.

“Nessun essere umano può vivere in pace sapendo che le persone muoiono nelle vicinanze, che ci sono bambini senz'acqua, senza cibo, senza medicine. »

Gli ortodossi ucraini sono divisi tra la Chiesa ortodossa sotto il Patriarcato di Mosca e la Chiesa ortodossa ucraina nata nel 2018 dalla fusione della Chiesa ortodossa ucraina sotto il Patriarcato di kyiv e la Chiesa ortodossa autocefala ucraina e riconosciuta nel 2019 dal Patriarcato ecumenico di Costantinopoli.

Dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina, la Chiesa ucraina del Partiarcato di Mosca ha preso le distanze dal Patriarca di Mosca Kirill che ha benedetto la guerra e ha chiamato gli oppositori di Mosca in Ucraina "forze del male". i due paesi.

Il metropolita Onufrii ha invitato i fedeli a sostenere l'esercito ucraino.

Molti sacerdoti della Chiesa sotto Mosca ora rifiutano di menzionare il nome del patriarca Kirill nei loro servizi religiosi.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che rappresenta gli Stati membri dell'Ue, ha chiesto venerdì al presidente russo Vladimir Putin in un'intervista telefonica di garantire i corridoi umanitari a Mariupol in occasione della Pasqua ortodossa.

“Chiama con il presidente Putin. I corridoi umanitari a Mariupol e in altre città assediate devono essere immediati, soprattutto in occasione della (della) Pasqua ortodossa” di domenica 24 aprile, ha scritto sul suo account Twitter.

Nessun corridoio di evacuazione per i civili può essere organizzato venerdì in Ucraina, ha affermato all'inizio della giornata il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk, ritenendo la situazione troppo "pericolosa" sulle strade.

Giovedì tre autobus che trasportavano sfollati dal porto di Mariupol (sudest) sono arrivati ​​a Zaporijjia (sud).

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato giovedì che le forze russe hanno "liberato" Mariupol, che era diventata una città di martirio e un campo di rovine dopo quasi due mesi di bombardamenti e assedi russi. Un'affermazione ritenuta "discutibile" dal suo omologo americano Joe Biden.

Nonostante una nuova richiesta di resa giovedì, i combattenti ucraini ancora trincerati nell'immenso complesso metallurgico Azovstal e i suoi chilometri di gallerie sotterranee si rifiutano di deporre le armi.

Vladimir Putin ha detto di aver ordinato alle sue truppe di non lanciare un assalto, ma di bloccare l'area "in modo che non passasse una mosca".

La redazione (con AFP)

Credito immagine: Shutterstock.com / Oleksii Synelnykov

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.