'Il più grande passo indietro': la Corte riconosce la giurisdizione della Sharia per condannare a morte i blasfemi in Nigeria

“La lunga storia di disprezzo della libertà religiosa in Nigeria è peggiorata oggi. »

In Nigeria, l'Alta Corte dello Stato di Kano ha appena stabilito che la Sharia ha il potere di emettere condanne a morte nei casi di blasfemia. Una decisione presa quando Yahaya Aminu Sharif, cantante di 22 anni, è stata condannata a morte per blasfemia.

Per Preoccupazione cristiana internazionale International (ICC), “le azioni giudiziarie confondono il confine tra chi e cosa può essere processato in un tribunale della Sharia”. Il suo presidente, Jeff Kings, "la lunga storia di disprezzo della libertà religiosa della Nigeria si è ulteriormente aggravata, sottolineando ancora una volta l'errore commesso dagli Stati Uniti lo scorso anno nel rimuovere la Nigeria dall'elenco dei paesi di particolare interesse (PCC)".

Jay Church, direttore della CCI per l'Africa, parla di “una grande battuta d'arresto per i diritti umani in Nigeria nel suo insieme”.

"Il fatto che un tribunale laico riconosca formalmente la giurisdizione di un tribunale della Sharia per emettere condanne a morte per blasfemia è il più grande passo indietro nel sistema legale nigeriano dall'attuazione della legge penale della Sharia nel 2000. Spero che la comunità internazionale, compreso lo Stato americano Dipartimento, riconosce questo sviluppo per la grave violazione dei diritti umani che è. »

Il direttore dell'organizzazione, Matias Perttula, afferma che "la decisione del tribunale è un attacco alla libertà religiosa in Nigeria e stabilisce formalmente il quadro giuridico per la continua persecuzione dei cristiani in Nigeria".

“Questa decisione è chiaramente un passo indietro per tutti i diritti umani, la libertà religiosa e la libertà nel suo insieme per la Nigeria. »

Dodici stati nel nord della Nigeria sono soggetti allo stesso sistema giuridico duale, uno basato sul codice penale nigeriano, l'altro sulla Sharia.

MC

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.