Ha 6 anni, vive con il cuore fuori dal petto e ripone la sua fiducia in Gesù!

immagine-ragazza-cuore

Virsaviya è sopravvissuto alla sua malattia! Ma quanto tempo sopravviverà? Per consentirle di vivere una vita normale, un medico del Boston Children's Hospital le propone un'operazione. Questa operazione mira a reintegrare il suo cuore nella gabbia toracica.

DAri Boom, la madre di Virsaviya, ha lanciato diverse campagne mediatiche per cercare di raccogliere fondi per l'operazione, ovvero 91 euro. Un servizio sul canale NBC000 negli USA è stato visto oltre 6 milioni di volte e ha commosso gli USA.
Per il professor Philippe Acar, presidente della filiale di cardiologia pediatrica:

"È una malattia che è stata descritta per la prima volta solo una cinquantina di anni fa", spiega. Questa sindrome deriva da un'ernia della parete addominale ed è per questo che il cuore non è all'interno della gabbia toracica. Per questo è evidente”. Inoltre, è una malattia che non curiamo spontaneamente, continua. “Per provare a rimettere il cuore dentro la gabbia toracica, devi fare un'operazione molto grande dove devi rifare tutta la muscolatura della parte centrale del corpo. Ed è un intervento molto complesso, soprattutto per la sua rarità”.

Una campagna di crowdfunding è stata costituita per pagare le cure mediche a causa della sua operazione. Molte persone sono state toccate dalla storia di questa bambina e dalle sue dichiarazioni:

“Il mio cuore è qui. È fuori dal mio petto e amo molto mia madre, ha sempre amato toccare il mio cuore”.

Per Dari Boom, il fatto che la sua bambina sia viva è un miracolo. Lei e sua figlia sono cristiane, ripongono la loro speranza in Gesù. Questa bambina ha detto:

“So perché il mio cuore è fuori di testa, è perché Gesù vuole dimostrare che può fare cose speciali come me. "

HL

Fonte : Le Figaro

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.