1 milione di persone sfollate a causa della siccità in Somalia

“La carestia ora perseguita l'intero paese. Vediamo sempre più famiglie costrette a rinunciare a tutto perché nei loro villaggi non c'è letteralmente né acqua né cibo. »

Se, lo scorso aprile, 745 000 persone cacciati dalle loro case dalla siccità in Somalia, ora lo sono 1 milioni, secondo i dati annunciati dall'UNHCR, dall'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati e dal Consiglio norvegese per i rifugiati (NRC).

Per Mohamed Abdi, Direttore Nazionale dell'NRC in Somalia, “questo milione di pietre miliari serve come un enorme campanello d'allarme per la Somalia”.

“La carestia ora perseguita l'intero paese. Vediamo sempre più famiglie costrette a rinunciare a tutto perché nei loro villaggi non c'è letteralmente né acqua né cibo. Il finanziamento degli aiuti deve essere aumentato urgentemente prima che sia troppo tardi. »

Secondo l'NRC, la Somalia sta attraversando uno storico periodo di siccità di due anni. Inaudito da oltre 40 anni.

Mons. Giorgio Bertin è Amministratore Apostolico di Mogadiscio dal 2001. Testimonia questa catastrofe umanitaria con Radio Vaticana. "La situazione nel Paese è ovviamente drammatica", ha detto. Gli sfollati si stanno rifugiando nelle periferie delle grandi città. Il Caritas lavora lì insieme alle organizzazioni somale per aiutarli. Prevede l'approvvigionamento alimentare degli sfollati, fornisce aiuti di emergenza, in particolare tende, zanzariere, coperte, facilita l'accesso all'istruzione o addirittura all'assistenza sanitaria.

MC

Credito immagine: Shutterstock.com/sntes

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.