È stato assegnato il Premio Persecutore dell'anno: Scopri i vincitori

I 3 persecutori dell'anno succedono alla Nigeria, ai talebani ea Kim Jong Un.

International Christian Concern (ICC) ha presentato ieri il suo rapporto annuale "Persecutori dell'anno 2022" al vertice internazionale sulla libertà religiosa a Washington. Il rapporto elenca i primi 16 persecutori dei cristiani nel mondo e nomina tre vincitori del Premio Persecutori dell'anno, secondo 3 categorie, paesi, entità e individui.

Quest'anno i vincitori sono l'Afghanistan, i militanti Fulani e l'Ayatollah Ali Khamenei. Seguono il Vincitori 2021, vale a dire la Nigeria, i talebani e Kim Jong Un.

In Afghanistan, dalla fine del 2021, i talebani hanno usato tattiche per smascherare i cristiani nel Paese, secondo International Christian Concern che aggiunge che ciò ha portato la persecuzione in Afghanistan al livello più alto dal primo governo talebano, istituito nel 1996.

In Nigeria, i Fulani sono il più grande gruppo etnico nomade. L'organizzazione ricorda che dal 2000 i militanti Fulani in Nigeria hanno ucciso decine di migliaia di cristiani e lasciato molti altri senzatetto. La CPI denuncia le crescenti violenze contro la popolazione cristiana nigeriana nella Middle Belt e chiarisce: "Si presume che l'aggressione dei militanti Fulani sia aiutata da parti interessate all'interno del governo nigeriano". Durante la serata, un reverendo nigeriano si è rivolto al pubblico in video per denunciare il “genocidio” dei cristiani presenti

“Chiediamo agli occidentali di comprendere appieno il fatto che quello che sta accadendo in Nigeria, perseguitata dai militanti Fulani, è un genocidio. Il governo non deve trascurare la sua responsabilità nei confronti di questi attivisti. La definizione del dizionario di genocidio è prendere di mira un gruppo etnico e ucciderlo in gran numero. Questo è esattamente ciò che fanno gli attivisti Fulani. »

Nella categoria individuale, il vincitore è l'Ayatollah Ali Khamenei, Leader Supremo dell'Iran. La CCI denuncia il suo controllo su tutti gli aspetti della vita iraniana, sia fisicamente che spiritualmente. L'organizzazione denuncia un regime radicale che permette la brutale tortura e l'esecuzione di molti cristiani iraniani. Il dottor Daniel Shayesta è un sopravvissuto alla persecuzione in Iran. È stato uno dei leader musulmani radicali che hanno contribuito a fondare Hezbollah ed è diventato un candidato al parlamento islamico, ma la sua crescente opposizione politica all'Ayatollah si è conclusa con l'arresto e la condanna a morte. Per lui «Gesù è l'unica soluzione alla crudeltà degli ayatollah».

“Non credo che tutte le prigioni del mondo siano dolorose come quelle degli Ayatollah, specialmente per le donne che manifestano. È a causa della malvagità degli ayatollah che ora molti iraniani odiano l'Islam… Cristo è l'unica soluzione alla crudeltà degli ayatollah. »

Jeff King, presidente della Cpi, afferma che la situazione dei cristiani sta “peggiorando”.

“In tutto il mondo i cristiani vengono picchiati, imprigionati, torturati e assassinati semplicemente a causa di ciò in cui credono. Lo faccio da 20 anni e non sta migliorando ma sta peggiorando. »

MC

Credito immagine: Creative Commons /  Wikimedia

© Info Chrétienne - Breve riproduzione parziale autorizzata seguita da un link "Leggi di più" a questa pagina.

SUPPORTA INFO CRISTIANI

Info Chrétienne essendo un servizio stampa online riconosciuto dal Ministero della Cultura, la tua donazione è fiscalmente deducibile fino al 66%.